Archive for the ‘videogiochi’ Category

Real Life in Second Life / Intro

6 aprile, 2007

secondlife01.jpg

La realtà virtuale che tanto ci aveva affascinato è affare ormai del passato: roba da anni Novanta, con occhiali e guanti che permettevano una immersione “totale” in ambienti 3-D virtuali per una esperienza “ludica” mai provata prima… Strumenti che hanno trovato la loro specifica applicazione nelle sale di addestramento dei piloti dell’aereonautica e in altri laboratori specializzati, ma che sono sparite dai nostri orizzonti quotidiani così come dal linguaggio. E le chat room tridimensionali come Habbo Hotel? Altro esempio di riproduzione delle interazioni fra umani in un mondo virtuale che pur essendo di inizio secondo millennio sembrano già materiale da museo. L’intrattenimento nel mondo a 3 dimensioni ha sempre affascinato e ha avuto una sua ragion d’essere (e una incredibile impennata) solo con l’inizio del XXI secolo, trainata dalla produzione di giochi per le console da casa come PS2 e XBox. Fra questi videogames, la saga de I Sims, nata nel 2000 soprattutto per i PC, è diventata l’archetipo di una possibile esperienza di vita virtuale parallela a quella reale.

Il web, che per ora è nel pieno della fase crescente della sua curva, ha avuto uno sviluppo parallelo che ha certamente influenzato il mondo dell’entertainment. L’evoluzione del web e delle politiche di sviluppo democratiche dei software Open Source hanno accorciato notevolmente il tempo di obsolescenza dei software permettendo crescite impossibili fino a pochi anni prima. I giochi on-line, ormai alla portata di tutti, hanno contribuito alla nascita di grosse comunità di utenti modificando il senso e l’utilizzo della rete. Se negli anni Novanta e all’inizio del Duemila nel web era necessario “esserci” per la visibilità, ora la parola d’ordine del web 2.0 è la “condivisione”, lo sharing (e quindi le relative community). Ora, finchè l’interazione e lo scambio avvengono per motivi di intrattenimento (anche a pagamento come iTunes) quello che resta è la sola restituzione di contenuti multimediali sul nostro PC, e fino a qui nulla di eccezionale, ma cosa succederebbe se il web fosse un luogo a 3 dimensioni? Percepibile, localizzabile e “vendibile” con prezzi definiti per mq? E se fosse possibile riprodurre attività umane in questo spazio virtuale con ricadute nel mondo reale? E se fosse possibile fare affari e riprodurre la propria attività reale in un “luogo” della realtà virtuale? E ancora..se ad ogni personaggio incontrato nel mondo virtuale corrispondesse un io reale localizzabile nel mondo? (more…)

PlayCity

26 marzo, 2007

gt4-street-map-rit.jpg

Non è più una novità che le consolle videogame permettano una simulazione altamente realistica dei campi di gara, semmai è interessante notare le implicazioni relative alla simulazione virtuale di ambienti reali. Ci riferiamo, evidentemente, a città e luoghi che stanno sempre più diventando lo sfondo di giochi di guida, azione e strategia. Definirli “sfondo”, in realtà, è limitativo perché non sono solo più texture digitali che scorrono dietro o ai lati dell’azione, ma veri e propri ambienti tridimensionali che si possono sperimentare e con i quali si può interagire. Questo fatto, che è ora e sarà sempre di più in futuro, diventa un potenziale strumento per le città e i luoghi che vogliono essere Talking in modo completo e innovativo. GranTurismo 4 è un esempio che ci interessa perché, oltre a essere il gioco di guida probabilmente più sofisticato e più venduto, ci offre una modalità di gioco specifica, chiamata “percorsi cittadini”, nella quale è possibile guidare attraverso alcune tra le più famose città del mondo. (more…)