Archive for the ‘Segnaletica’ Category

Segni e segnali

13 marzo, 2007

seq_sign2.gif

Il DNA di una città, la sua cultura, la sua identità si possono cogliere anche osservando semplicemente l’ambiente circostante. Basterebbe rallentare e fissare lo sguardo su alcuni particolari (dettagli che scompaiono nella velocità del nostro andare) per rendersi conto che ciò che noi spesso diamo per scontato in realtà è “segno” della cultura del luogo. L’affascinante mondo dei segnali e della segnaletica rientra in questi “dettagli” tanto che esiste qualcuno che colleziona fotografie su Flickr catturate nei propri viaggi puntando più sul particolare che non sul più classico dei panorami. Lo stesso dicasi per gli scorci e i dettagli dello spazio antropico: materiali, colori, luci e quant’altro possono rivelare molto della natura del luogo, e anche in questo caso è possibile trovare su Flickr notevole materiale a riguardo.

Se una immagine è più efficace di 1000 parole, segnalateci altri set interessanti e mostrateci le vostre fotografie inserendo un commento e il relativo link.

via Flickr

Annunci

Don’t brand my city / 2

13 marzo, 2007

baur-part-2.jpg

Non ancora ripresi totalmente dallo shock del marchio Italia, continuiamo l’approfondimento sui progetti presentati da Ruedi Baur alla conferenza dei Mercoledì di NABA del mese scorso.

Il progetto per la identità visiva dell’aeroporto di Koln Bonn è un mix complesso ma perfettamente articolato di segnaletica, identità visiva, design e architettura. Ciò che stupisce di questo progetto è il concept di base che fa da driver nello sviluppo delle tante applicazioni: la semplicità. Baur parte dal concetto che l’aeroporto, luogo di per sè caotico e primo elemento che un viaggiatore incontra giungendo in una città sconosciuta, debba innanzitutto evitare l’effetto disorientante. La sua “leggibilità” deve cioè essere tale da poter fornire discretamente le informazioni utili per muoversi all’interno dell’aeroporto. La fruizione semplice delle informazioni dell’aeroporto di Koln parte proprio dall’utilizzo di un carattere tipografico che porta questo nome: simple. Ma il carattere non era semplice abbastanza per il team di Baur e così è stato ulteriormente semplificato ottenendo caratteri ad elevata leggibilità definiti da un “semplice” insieme modulare di segmenti.

simple

(more…)

Don’t brand my city /1

17 febbraio, 2007

ruedi-cover.jpg

Come vi avvisava un post precedente, in questo mese Ruedi Baur ha tenuto una lezione sulla progettazione dell’identità delle città presso l’Accademia di belle Arti di Milano NABA. Ci sembra giusto riportare qua quanto visto e ascoltato per chi non era presente. La sua esposizione è stata come sempre coinvolgente e affascinante, lasciando il pubblico stupito di fronte a soluzioni di forte impatto visivo sempre adeguate. Nonostante il suo italiano divertente, con forte inflessione francese (e qualche termine inventato), la presentazione è stata chiara e semplice, supportata da un gran numero di immagini e filmati.

(more…)