Archive for gennaio 2007

NY Graphics Standards Manual

31 gennaio, 2007

New York City

334746135_cf26858666.jpg

Copertina del Manuale di Identità visiva della Città di NY

Oramai è risaputo che i tipografi (intesi come amanti/appassionati di tipografia e non come stampatori) sono personaggi quantomeno particolari: chi altro potrebbe commentare un nuovo calendario dicendo «Non il Comic Sans un’altra volta!!» oppure disquisire a lungo sulla spaziatura tra due maiuscole? Per tutti costoro si terrà la nona edizione del Tage der Typografie (i giorni della tipografia, 7-10 giugno 2007) presso Lage-Hörste vicino a Bielefeld, Germania: quattro giorni di conferenze e interessantissimi workshop guidati dal tema «Typography oblige», ossia la tipografia ha delle regole e degli obbighi: non si fa per divertimento ma per veicolare un messaggio. Tra i vari workshop ne segnaliamo uno degli Underware dal titolo «Private type» e uno di Dan Reynolds dal titolo «Type Design Made Transparent» (gli unici per il momento in tedesco ed in inglese).

L’occasione ghiotta di partecipare ad uno dei famosi Typeworkshop è da cogliere al volo, quasi sempre questi sono riservati agli studenti del corso che li ha organizzati. Per chi fosse interessato a saperne di più, costi e logistica, sono disponibili tutte le informazioni in inglese. Tenete presente che, visto le richieste di partecipanti al di fuori della Germania, potrebbero aumentare gli eventi tenuti anche in inglese.
Alcune foto della passata edizione via Flickr.

ny3.jpgny2.jpgny1.jpg

Annunci

I territori sono prodotti?

30 gennaio, 2007

dv-cover-luglio-07.jpg

TALKING CITY / Il prodotto_territorio, progettazione offerta e comunicazione

I territori sono prodotti?

La domanda che circolava in Italia generando forti dibattiti tra “conservatori” e “progressisti” sembra ancora fonte di contrasti sociali, in realtà da almeno un decennio i territori sono realmente prodotti e come tali vengono percepiti, offerti, comunicati e “consumati”. Certo non stiamo parlando di prodotti industriali convenzionali, ma di artefatti molto più complessi e stratificati dove convergono infiniti fattori evolutivi o involutivi, dove i mix culturali sono costanti e improgettabili, dove si incontrano e scontrano interessi che appaiono solo governabili da un punto di vista macro.
(more…)